Uncategorized

Get PDF La fabbrica dell’imperium: Saggio su Spinoza (Teorie e oggetti della filosofia) (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online La fabbrica dell’imperium: Saggio su Spinoza (Teorie e oggetti della filosofia) (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with La fabbrica dell’imperium: Saggio su Spinoza (Teorie e oggetti della filosofia) (Italian Edition) book. Happy reading La fabbrica dell’imperium: Saggio su Spinoza (Teorie e oggetti della filosofia) (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF La fabbrica dell’imperium: Saggio su Spinoza (Teorie e oggetti della filosofia) (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF La fabbrica dell’imperium: Saggio su Spinoza (Teorie e oggetti della filosofia) (Italian Edition) Pocket Guide.

Se infatti sono todos Caballeros, allora no hay mas Caballeros, ma soltanto peones e gringos. Dall'altro, il fondamento dell'impero romano, organo politico di coordinamento di tutte le classi schiavistiche e proprietarie, era la garanzia giuridica e giudiziaria della sicurezza del possesso, e l'imperatore diventava la "persona delle persone" che in questo modo simbolicamente tutti i possessori, ridotti ad atomi individuali privi di qualunque sostanza etico-comunitaria.

Paolo di Tarso, Lettera ai Corinzi, 7, Come spiegare questo mistero?

La fabbrica dell'imperium. Saggio su Spinoza : Riccardo Caporali :

Non pretendo certamente di "spiegarlo", ma penso invece di poterne avanzare un'interpretazione storico-genetica ed ontologico-sociale. Ma chi era Plotino? Non volle mai essere ritratto. Rifiutava le medicine, si asteneva dai bagni, ma si faceva fare ogni giorno dei massaggi.

Figuriamoci se valeva la pena di lasciare un'immagine di quella immagine! Lo si interpreta in generale in modo inesatto, come anticipazione della posteriore mortificazione cristiana del corpo vivere nel deserto, vivere su di una colonna come Simeone lo Stilita, castrarsi come Origene, mettersi il cilicio come Pascal, ecc. Il "corpo" fisico soma era CAPITOLO X X I I I in quel periodo venuto a noia a tutte le persone sensibili del mondo greco-romano per una ragione relativamente semplice: mentre nell'epoca classica dei Greci esso non era venuto a noia, ma anzi era amato ed esaltato vedi in Platone il Fedro, il Convito, ecc.

Si legga in proposito il Satyricon di Petronio, in cui l'ex schiavo arricchito Trimalcione racconta di avere prestato i suoi "buchi" anteriori e posteriori alla padrona buco anteriore e poi al padrone buco posteriore. Non posso certo riportare qui il complesso sistema filosofico di Plotino, e rimando ad una dettagliata esposizione monografica, peraltro facile da trovare.

Ma non si tiri in ballo Platone per onorare questo poliziotto prepotente, per favore! I nemici di di Hegel e di conseguenza di Marx, vedi scuola di Della Volpe e di Colletti hanno spesso collegato questi due spiriti magni a Plotino, per poter poi sghignazzare contro la "metafisica".

Una nuova storia alternativa della filosofia : il cammino ontologico-sociale della filosofia

Non ci vedo peraltro niente di male. Senza ritorno, infatti, ci sarebbe solo dispersione, e tutte le cose si disperderebbero in un gran fiume che si perderebbe. Come sostiene oggi il cosiddetto "pensiero debole". II neoplatonismo, quindi, fu una buona cosa, e non dobbiamo stupirci che un filosofo intelligente come Hegel lo abbia capito.

Al di fuori di alcuni dialoghi "dialettici" di Platone e di alcuni passaggi della Metafisica di Aristotele quasi tutti i filosofi Greci precedenti usano o il linguaggio metaforico della natura Eraclito o il linguaggio parlato ordinario Epicuro. Solo con Plotino si afferma il primo vero e proprio lessico filosofico specialistico, che richiede quel tipo di approccio ermeneutico-storico di cui ha parlato Adorno nella sua meravigliosa Terminologia filosofica.

D'altro canto, una scienza filosofica richiede e quasi impone una complessa terminologia filosofica specifica Hegel docet.

Bestselling Series

E tuttavia, il generoso sforzo di Giuliano non poteva avere successo. Il mondo antico si era come svuotato dall'interno a causa della miseria dell'impero romano. Hegel coglie bene questo punto, che invece lo sciocco Nietzsche non riesce assolutamente a cogliere. Essi non ne avevano una propria, e la sintesi neoplatonica era la migliore disponibile nel "mercato delle idee" del tempo. Da un lato, Marx non aveva prodotto una filosofia sua propria in senso sistematico, e dall'altro sul mercato delle idee allora regnava il positivismo. Il neoplatonismo fu a tutti gli effetti il positivismo dei cristiani.

Mi sono sempre chiesto - non ho mai trovato risposta - come le chiese di oggi, invischiate con mille compromessi con il potere, abbiano potuto conservare nei loro testi sacri anche l'Apocalisse.

Recent Posts

Ritengo che il segreto stia nella de contestualizzazione storica. Opportunamente decontestualizzati, infatti, i vangeli e la vispa Teresa sono in effetti del tutto equivalenti. Ho anche segnalato che questo programma implicava una "purificazione del tempio", con connessa messa in pericolo della collaborazione di classe fra il sinedrio ebraico mafioso Caifa e l'occupante militare romano Ponzio Pilato. Ma anche Paolo era totalmente all'interno di un progetto messianico.

Sostenendo che tutte le classi del mondo romano doveva sottomettersi ad un unico Salvatore cfr. L'istituzione ecclesiastica sarebbe nata e si sarebbe affermata in seguito al progressivo venir meno, fra i credenti, della tensione escatologica iniziale, in risposta ad esigenze storico-sociali del tutto estranee all'originario annuncio di fede. Personalmente, considero molto intelligente, ed anche sostanzialmente esatta, la sua teoria sulla religione e sulla sua natura sociale.

A questo punto, o il disincanto si diffonde ed "uccide" la religione la storia ci mostra decine di religioni di tipo messianico che si "estinguono" dopo pochi anni, decenni o secoli , oppure la stessa religione si libera del suo primitivo elemento messianico e si "ricicla" nella forma di una razionalizzazione dei costumi della vita quotidiana, ispirando l'etica familiare e sociale e gestendo simbolicamente i "riti di passaggio" nascita, matrimonio, morte, ecc.

Il neoplatonismo, questa grande filosofia greca, fu anche lo strumento simbolico della neutralizzazione razionale dell'elemento messianico.

Pur sapendo di compiere una parziale scorrettezza concettuale, affermo che il concetto di caduta nella filosofia cristiana della storia copre lo stesso contenuto simbolico del concetto di alienazione nel pensiero di Marx. Se poi qualcuno Lowith, ecc. Questo schema di Caduta - Redenzione si situa spazialmente in uno Spazio appunto largamente simbolico, in cui si cade verso il Basso e ci si redime salendo verso l'Alto.

U sale verso il Purgatorio ed il Paradiso. Ma ovviamente l'alto delle cattedrali gotiche non ha nulla a che fare con l'alto dei grattacieli delle metropoli moderne. Paradiso, XXX, vv. Le folle presenzialiste postmoderne che oggi affollano gli "eventi" delle letture giullaresche di Dante non immaginano certamente che cosa a quei tempi arrovellasse il nostro massimo poeta nazionale. Chi vuole farsi plasticamente un'idea della rappresentazione simbolica del mondo nel medioevo deve andare a visitare la cittadella monastica di Mont Saint Michel in Normandia.

I medioevali volevano soprattutto toccare, e non solo nel senso boccaccesco del termine. I re di Francia toccavano i plebei, e li guarivano dalla scrofola. I fedeli volevano vedere le reliquie, e se possibile anche toccarle. Dovunque, regna la materia. Per questo, e solo per questo, fu proclamato eretico, e se non fosse scappato in Baviera, l'avrebbero certamente bruciato vivo per questa e poi se la prendono con il cosiddetto "irrazionalismo" dei musulmani!

Secondo Redondi, l'accusa di negare il sistema geocentrico sarebbe stata mena grave dell'accusa di negare la trasformazione integrale di Cristo in pane ed in vino. E fu questa rivoluzione commerciale a far creare il Purgatorio dai teologi. Ma in queste cose non conta la ridicola autodefinizione identitaria di tipo "sportivo", ma soltanto il rigore del metodo che si usa per interpretare la storia.

I veri "inventori" del Purgatorio furono alcuni preti parigini come Pietro Cantore e Simone di Tournai, ma nel secolo successivo tutta questa materia fu codificata da Innocenzo IV nel e da teologi come Alessandro di Hales e Tommaso d'Aquino. Il fatto di "legittimare", sia pure con la mediazione simbolica di una espiazione "a tempo" da passare in Purgatorio, fu un fatto indubbiamente dirompente. La teoria marxiana del fatto che il tempo di lavoro sia direttamente l'origine dell'alienazione, ove questo tempo di lavoro sia incorporato nel processo di accumulazione del capitale, non deriva certo direttamente dalla concezione religiosa per cui il tempo, dono di Dio, non deve essere "alienato" dal denaro.

In tutti i periodi storici, nonostante ovvie differenze, gli uomini hanno sempre ritenuto che vi fossero la Giustizia e l'Ingiustizia, ed il massimo di ingiustizia adikia consistesse nel rubare agli altri uomini lo spazio ed il tempo in cui vivevano.

Spinoza en 90 minutos de Paul Strathern (voz loquendo).

Vi sono indubbiamente tipi diversi di sfruttamento schiavistico, feudale, capitalistico, ecc. Da entrambi questi fenomeni sono derivati capolavori letterari, come la Divina Commedia di Dante, e capolavori filosofici il grande marxismo critico del Novecento. E tuttavia, la semplice fabbricazione simbolica del Purgatorio non poteva certamente bastare. Lo sviluppo economico e commerciale avvenuto prima della grande catastrofe della Peste Nera del aveva contribuito a formare un'articolazione sociale complessa. In casi del genere, la sistematizzazione del sapere filosofico non si fai mai aspettare a lungo.

Indagheremo quindi prima l'aristotelismo, e poi il nominalismo, sia dal punto di vista del loro contenuto veritativo sia dal punto di vista della loro funzione ideologica.

Top Authors

L'aristotelismo giunse in Europa occidentale attraverso il meritorio lavoro interculturale dei traduttori di Toledo, che traducevano direttamente dall'arabo al latino "saltando" il testo greco originale. Tutto questo era dovuto alle scelte culturali suicide dell'impero carolingio prima e sassone poi, e soprattutto al provincialismo aggresivo del papato romano. Con simili "tedeschi", meglio il dialetto polinesiano delle isole Tonga!

Una cometa luminosissima era apparsa nel cielo della filosofia. Che poi questa posizione filosofica sia vera come tendo a pensare io , oppure sia falsa e da correggere come hanno pensato un mucchio di eminenti pensatori, dai positivisti a Feuerbach, da Marx a Lenin, ecc. La chiave filosofica per capire quanto stiamo cercando di dire la si trova in due canti "gemelli" del Paradiso di Dante, in cui il poeta mette insieme San Francesco, fondatore dell'ordine dei francescani, e San Domenico, fondatore dell'ordine dei domenicani.


  • The Sorrows of Young Werther [Illustrated] (With Active Table of Contents)?
  • ?
  • Days of the Week (Japanese Edition)?

E tuttavia, appare chiaro dal testo che Dante "sente" maggiormente Francesco rispetto a Domenico, in quanto "concretizza" nei dettagli di vita il primo mentre non lo fa con il secondo. Senza bisogno di ricorrere ad una sorta di "lettura sintomale" alla Althusser, direi che questo dimostra come la questione della paupertas stesse particolarmente a cuore a Dante.

Il capolavoro "aristotelico" di Tommaso d'Aquino sta dunque nell'avere riproposto Aristotele separandolo da queste tre tesi aristoteliche. Ci sono stati platonici che hanno tagliato via la teoria delle idee, spinoziani che hanno trasformato Spinoza in teorico esagitato dei centri sociali, ed infine "marxisti" che hanno separato Marx dalla teoria dello sfruttamento capitalistico e dalla prospettiva del comunismo, trasformandolo in una sorta di profeta ecologista della globalizzazione.

Non possiamo quindi stupirci del fatto che Tommaso abbia trasformato Aristotele in massimo teorico della teologia cristiana. E tuttavia, non possiamo confondere il grande Tommaso con i poveracci sopra indicati. Purgatorio, XX, fu un grandissimo filosofo, che ancora oggi si legge con meraviglia, del tutto indipendentemente Le cattedrali teologiche domenicane ed il significato ontologico-sociale delia contestazione nominalistica francescana dal fatto che si abbia o no la sua "fede".


  1. I Lost 15 Pounds In Eight Days YOU Can Too.
  2. La fabbrica dell’imperium: Saggio su Spinoza (Teorie e oggetti della filosofia) (Italian Edition);
  3. Collective Bargaining and Wage Formation: Performance and Challenges;
  4. Similar authors to follow?
  5. Mi immagino Aristotele redivivus che ha imparato il latino ed ascolta roba del genere. La pratica della filosofia insegna a non stupirsi di niente, neppure di Stalin che si autoproclama il "vero" interprete di Marx. La polemica di Tommaso contro il "comunismo" degli eretici del tempo ricalca gli argomenti di Aristotele contro il "comunismo" di Platone, e non riveste quindi un particolare interesse.